Il prodotto è stato inserito nel carrello.
Mostra il tuo carrello.
Questo prodotto era già nel carrello, la sua quantità è stata aggiornata.
Mostra il tuo carrello.

SCHEGGI

1966 LA BIENNALE DI VENEZIA / ART BASEL 2015
a cura di Luca Massimo Barbero
Edizione italiano/inglese
SCHEGGI
Isbn: 978-88-96780-94-7
Formato: 24×28 cm
Pagine: 124
Anno di pubblicazione: 2015
Lingue: italiano/inglese
Stampa: colori
Legatura: bodoniana con tela sul dorso
Disponibilità: Disponibile

Prezzo: € 50,00

Aggiungi al carrello
Descrizione
Il volume, dedicato al lavoro di Paolo Scheggi, è presentato in occasione dell’esposizione di quattro opere dell’artista per Art Basel – Basel 2015. Sono riunite infatti per la prima volta dalla Biennale di Venezia del 1966 quattro Intersuperfici. Il progetto editoriale, coordinato dalla galleria Tornabuoni Art è stato realizzato in collaborazione con l’Associazione Paolo Scheggi. Luca Massimo Barbero, curatore senior presso la Peggy Guggenheim Collection di Venezia e responsabile dell’Associazione, descrive e analizza attraverso un importante saggio critico il percorso artistico e umano di Paolo Scheggi, documentando con straordinarie immagini il suo rapporto con i colleghi artisti del tempo e la considerazione di cui godeva presso eminenti critici quali Gillo Dorfles, Germano Celant, Nello Ponente e Umbro Apollonio. Il volume è inoltre arricchito da numerosi testi che immortalano i fermenti artistici dell’epoca e da immagini di Julio Le Parc, Lucio Fontana, Agostino Bonalumi e altri protagonisti della Biennale del 1966.

Paolo Scheggi nasce a Firenze nel 1940, muore a Roma nel 1971. Nell’arco di un decennio “lungo” (1958-1971) la sua ricerca attraversa diversi campi del sapere e discipline differenti, dalle arti visuali all’architettura alla moda, dalla poesia alla performance urbana e teatrale per approdare ad una riflessione concettuale e metafisica. Nel 1964 Carlo Belloli lo ascrive tra i 44 protagonisti della visualità strutturata, nel 1965 è ascritto da Dorfles tra gli esponenti della Pittura Oggetto; nello stesso anno entra nel movimento di nove tendencije e stringe contatti internazionali, specialmente in area nord europea dove espone a più riprese e partecipa alle mostre del gruppo Zero e Nul. Presente alla Biennale di Venezia nel 1966, del 1972, del 1976, del 1986, Scheggi espone nelle principali manifestazioni artistiche del tempo, da Parigi a Buenos Aires, da New York ad Amburgo, da Düsseldorf a Zagabria.