Il prodotto è stato inserito nel carrello.
Mostra il tuo carrello.
Questo prodotto era già nel carrello, la sua quantità è stata aggiornata.
Mostra il tuo carrello.

JAN FABRE

GLASS AND BONE SCULPTURES 1977-2017

Testi di Giacinto Di Pietrantonio, Katerina Koskina, Dimitri Ozerkov, Melania Rossi, Adriano Berengo
JAN FABRE <p>GLASS AND BONE SCULPTURES 1977-2017
Isbn: 978-88-99534-30-1
Formato: 24x31 cm
Pagine: 128
Anno di pubblicazione: 2017
Lingue: inglese
Stampa: colori
Legatura: cartonato
Disponibilità: Disponibile
Prezzo: € 49,00

Aggiungi al carrello
Descrizione
Jan Fabre da sempre è affascinato dall’alchimia e dalla memoria dei materiali. In questo nuovo volume – edito in occasione dell’esposizione presso l’Abbazia di San Gregorio, evento collaterale della Biennale di Venezia – si apprezzano opere e contesti inediti, frutto della scrupolosa selezione dei curatori Giacinto Di Pietrantonio, Katerina Koskina e Dimitri Ozerkov: opere in vetro e ossa realizzate dall’artista in un arco temporale che va dal 1977-2017, sono riunite per la prima volta in questa occasione.

L’artista fa riferimento sia ai maestri fiamminghi, che erano soliti usare ossa schiacciate nei loro dipinti, sia all’artigianato dei vetrai veneziani. Fabre sceglie deliberatamente due materiali che sono duri e forti ma allo stesso tempo delicati e fragili.
“La mia ragione filosofica e poetica di portare ossa umane e animali associandole al vetro, deriva dal ricordo che ho di mia sorella bambina che gioca con un oggetto di vetro di piccole dimensioni. Questo mi ha fatto pensare alla flessibilità della struttura ossea umana e alla flessibilità del modo in cui si produce il vetro. Alcuni animali, e tutti gli esseri umani, escono dal grembo materno come il vetro fuso dal forno. Essi possono essere modellati, piegati e plasmati con un sorprendente grado di libertà”. (Jan Fabre 2017)

Il catalogo raccoglie saggi critici dei curatori e contributi di Melania Rossi e Adriano Berengo oltre, naturalmente, ad un ricco apparato iconografico di tutte le opere in mostra, allestite negli spazi dell’esposizione. Il volume è testimonianza e documento al tempo stesso di uno straordinario evento, parte di una delle manifestazioni artistiche più importanti al mondo.