Il prodotto è stato inserito nel carrello.
Mostra il tuo carrello.
Questo prodotto era già nel carrello, la sua quantità è stata aggiornata.
Mostra il tuo carrello.

EMILIO ISGRÒ

A cura di Marco Bazzini

con testi di Luca Massimo Barbero e Mathieu Copeland
EMILIO ISGRÒ
Isbn: 978-88-99534-24-0
Formato: 24×30 cm
Pagine: 320
Anno di pubblicazione: 2017
Lingue: inglese/italiano
Stampa: colori
Legatura: cartonato
Disponibilità: Disponibile
Prezzo: € 55,00

Aggiungi al carrello
Descrizione
Forma Edizioni esce con un nuovo volume monografico di arte dedicato alle opere del grande Emilio Isgrò. Artista concettuale e pittore – ma anche poeta, scrittore, drammaturgo e regista – Emilio Isgrò (nato a Barcellona di Sicilia nel 1937) è uno dei nomi dell’arte italiana più conosciuti a livello internazionale tra XX e XXI secolo. A partire dagli anni Sessanta, Isgrò ha dato vita a un’opera tra le più rivoluzionarie e originali, che gli ha valso diverse partecipazioni alla Biennale di Venezia (1972, 1978, 1986, 1993) e il primo premio alla Biennale di San Paolo (1977).

Ripercorrendo la carriera dell’artista attraverso le sue serie più significative, quali cancellature, cartografie, poesie visive, semi e i più recenti lavori sull’identità e la natura, la retrospettiva contribuisce a dimostrare la ricchezza del dibattito culturale del secondo dopoguerra italiano e, al tempo stesso, il dialogo che Isgrò ha instaurato con l’Arte concettuale internazionale.
La pubblicazione nasce con l’intento di fornire un’ulteriore chiave di interpretazione, spingendo il lettore ad andare oltre la semplice intuizione, per cogliere il significato più profondo. Isgrò ha saputo unire pittura e scrittura, sradicando entrambe dall’uso a cui comunemente vengono associate, al fine di metterne in risalto l’essenza e amplificarne la portata.

Marco Bazzini, storico e critico d’arte, è Presidente dell’Istituto Superiore Industrie Artistiche di Firenze (ISIA Design Firenze) ed è impegnato in progetti di sviluppo ed evoluzione sociale attraverso percorsi culturali.
Dal 2007 al 2013 è stato Direttore artistico del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato.
Ha curato mostre e cataloghi per spazi pubblici e privati in Italia e all’estero, sia di arte contemporanea sia di design. Ha collaborato con diverse testate di settore e svolto un’intensa attività didattica presso accademie e università come insegnante in numerosi master e corsi di specializzazione.
Tra gli ultimi progetti curati si ricorda la grande mostra antologica dedicata a Emilio Isgrò presso Palazzo Reale, Gallerie d’Italia e Casa del Manzoni a Milano nel 2016.